Qualcuno vuole dei mudbugs?

Quando il Texas era ancora Messico e la Louisiana aveva appena smesso di essere Francia, l’area al confine tra i due stati era chiamata Neutral Strip,  un nome carino per indicare quella che in realtà era una terra di nessuno, e che rappresentava la parte più pericolosa del viaggio per tutti coloro che provavano a raggiungere il Texas. Ed un sacco di gente voleva venire in Texas, per le più varie ragioni, ma principalmente perché qui in Texas davano la terra.

Oggigiorno, da febbraio a giugno, tutti torniamo verso il confine con la Louisiana per la stagione dei gamberi d’acqua dolce, o crayfish, come si dice qui.

Per la verità qui si dice crawfish, o anche mudbugs, ma in ogni caso si tratta di gamberi di fiume, che somigliano tanto a degli astici in miniatura e questa è la stagione in cui si possono trovare al supermercato (rigorosamente vivi)  o, meglio ancora, in cui andarseli a mangiare nei tanti ristoranti che aprono in questo periodo dell’anno.

Ho studiato, ed ho scoperto che questi crawfish sono allevati in appositi bacini in tutta quest’area: nei mesi estivi i bacini vengono svuotati ed i poveri gamberi scavano per una decina di centimetri nella terra cercando di rimanere al fresco e all’umido. Poi quando arriva l’autunno (che qui non è prima di ottobre inoltrato), i bacini vengono riempiti di nuovo ed i crawfish sono liberi di andare in giro, di mangiare, di fare le mute, di moltiplicarsi… per novembre/dicembre cominciano a crescere e verso febbraio/marzo hanno raggiunto la dimensione ottimale.

Purtroppo, quest’anno metà della stagione è stata funestata dal tempo, che mi limiterò a definire inclemente, che ha colpito prima la zona del confine Texas-Louisiana (per dire, l’autostrada I-10 è stata chiusa perché allagata per una decina di giorni a metà marzo) e poi la zona di Houston, come detto da tutti i giornali.

Solo questo mi ha impedito di andare a provare i gamberi stile Cajun per tutto questo tempo!
Stile Cajun significa che i crawfish, dopo essere stati spurgati, sono bolliti con un mix di spezie Cajun (principalmente pepe di cayenna e pepe nero, più timo, origano, aglio e cipolla, il tutto in polvere), assieme a mais e patate, ed occasionalmente anche salsicce.
Si ordina a peso, ed il cameriere ti chiede quanto piccante vuoi i tuoi crawfish, ed eventualmente aggiunge altre spezie Cajun.

Juju's
Noi abbiamo visitato due di questi ristoranti, che però chiamare ristoranti è eccessivo, trattandosi in realtà di capannoni o baracchette, dove niente è concesso all’estetica e si mangia su panche o sedie di plastica, su tavoloni che spesso si dividono con altri avventori. Per dire, non hanno neanche la licenza di vendere alcolici, ma uno se li può portare da casa. E già che c’è, farebbe bene a portarsi anche delle salviettine umidificate… perché si mangia rigorosamente con le mani.

In ogni caso, siamo stati da Crawfish Shack in Crosby, TX, e da Juju’s Cajun Crawfish Shack in Fannett, TX.
A Crosby, abbiamo ordinato il “trio”, che consisteva in crawfish, gamberetti e granseola, e patate, pannocchia ed una salsa rosa di mayonese, ketchup e spezie era compresa nel prezzo.


Il nostro cameriere, Christian, ci ha tenuto una breve lezione su come approcciare il crawfish, perché questi simpatici gamberi arrivano corazzati nella loro armatura rosso fiammante: bisogna torcergli il collo, staccargli la testa, frantumargli i primi due giri del guscio e poi estrarli dalla coda tenendola dritta. E che ci vuole?
Abbiamo anche imparato che una persona può agevolmente mangiarne 1kg e mezzo.

Perciò quando siamo andati a Fannett, abbiamo ordinato come consumati mangiatori di crawfish: 2 kg e mezzo a testa (patate, mais e salsa sono da ordinare a parte).

 


Juju’s si trova a 110 miglia da Houston, e vale assolutamente la pena di farsi la strada: i crawfish erano grandi e succulenti, talmente succulenti che per la fine del pasto le spezie cajun ci colavano giù dai gomiti e i polpastrelli erano in fiamme.

Quando i gamberi sono arrivati al tavolo erano talmente incandescenti che non li si poteva toccare, e ciononostante stavo sempre a toccuzzarli per verdere se erano arrivati ad una temperatura decente per essere mangiati! Ed anche se sembra pazzesco pensare alle patate invece che ai gamberi, anche quelle erano ottime.
La proprietaria ci ha detto che saranno aperti fino a fine giugno… ho ancora tempo per il terzo round! Voglio vedere se ne riesco a mangiare 5 kg…

Crawfish instructions at Juju's

Crawfish instructions at Juju’s

Orecchiette / Comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s