Cereali fai da te

Vi ricordate quando eravate piccoli e andavate con la mamma al supermercato, e le davate il tormento perchè comprasse tutto quello che vedevate?
Diciamo che io non ho mai passato quello stadio.
L’unica differenza è che mia madre dice che adesso sono abbastanza grande per andarci da sola e dilapidare il mio patrimonio invece del suo.
Quindi ogni volta che vado al supermercato, tengo stretto il foglietto di carta e cerco di attenermi alla lista delle cose di cui ho bisogno.
Ci vuole un certo impegno e molta forza di volontà, ma di solito ce la faccio.
Il posto dove più spesso fallisco miseramente è il reparto cereali per la colazione.
Oltretutto qui in Canada i cereali hanno un intero corridoio tutto per loro… non mi bastano solo 365 colazioni l’anno!
I miei preferiti locali sono questi, ma mi ispirano tutti, e li voglio assaggiare tutti!
Durante questi assaggi, ho incontrato dei cereali che non mi sono piaciuti, o altri che avevano combinazioni di frutta perfette ma magari erano con i cereali in fiocchi invece che aggregati come piace a me, o altri che non erano abbastanza croccanti…
Il momento peggiore è stato quando sono stata davvero tentata di togliere tutti quei minuscoli dadini di papaya secca che conferivano al mix un sapore tropical che non c’entrava davvero niente… mi sono trattenuta solo perchè C mi avrebbe fatto internare.
Ho fatto un po’ di ricerca su internet, ed ho scoperto che potevo fare a casa, da sola i miei personali cereali aggregati, o come dicono qui granola.
Ho studiato, ed ho eliminato tutte le ricette che come dolcificante richiedevano sciroppo (di riso, di mais e sì, anche il mio adorato sciroppo d’acero) o puré di frutta, perchè volevo una ricetta di granola con ingredienti “base”, il meno industriali possibile: zucchero, burro, frutta secca e frutta essiccata. E fiocchi d’avena, naturalmente!
Dopo essermi fatta una cultura su tutti i numerosi tipi di fiocchi d’avena che qui si trovano in commercio, ho deciso di provare con i quick oats, che pare diano più facilmente i tanto agognati aggregati.
Siccome questo era il mio primo tentativo, mi sono tenuta sul tradizionale ed ho fatto questa versione dai sapori di strudel, con pinoli, mela e uvetta.
Ma non appena finisco questa infornata, ho già in mente migliaia di possibili combinazioni da provare!
I prossimi saranno con un po’ di mandorle ma molte più nocciole, pezzetti di banana disidratata e gocce di cioccolato.
Quelli dopo, con mandorle e semi di zucca con albicocche disidratate.
Quelli dopo ancora con mandorle e noci di macadamia, con cocco e…

IMG_1369

CEREALI AGGREGATI AL GUSTO DI STRUDEL

Ingredienti:
360 gr quick oats (io ho usato questi)
100 gr mandorle pelate ed affettate
100 gr pinoli
1 tsp cannella macinata
1/2 tsp noce moscata macinata
150 gr zucchero
60 ml acqua
90 gr burro
1/2 tsp sale
1 tsp estratto di vaniglia
Fettine di mela disidratata
Uvetta

Istruzioni
Con il minipimer, tritate metà dei fiocchi d’avena a polvere.
In una concola capiente, combinate i fiocchi interi e quelli in polvere con la frutta secca e le spezie.
In un padellino, scaldate il burro con l’acqua e lo zucchero finchè il burro si fonde, poi aggiungete il sale e l’estratto di vaniglia.
Versate questo liquido sull’avena e mescolate bene, in modo che tutto sia uniformemente bagnato.
Lasciate riposare l’avena per un quarto d’ora. Nel frattempo preriscaldate il forno a 150°C.
Spalmare l’avena in una teglia abbastanza grande (e ricoperta preventivamente di carta da forno): io l’ho fatto con le mani, in modo da favorire la formazione degli aggregati.
Mettere la teglia in forno, sulla griglia a metà altezza, e cuocere per 30 minuti: poi tirare fuori la teglia e con un cucchiaio di legno rompere i cereali in piccoli pezzetti (non microscopici, eh?), poi mescolare e rimettere in forno.
La granola deve stare uin forno per un’ora abbondante per asciugarsi del tutto: durante questo tempo, l’operazione di mescolamento dev’essere ripetuta ogni 15 minuti, in modo che si colori uniformemente.
Lasciate raffreddare completamente, poi aggiungere la frutta.
Conservare in un contenitore a tenuta ermetica.

Orecchiette / Comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s