Pastiera napoletana

Da quello che ho capito, qua in Canada la Pasqua si condensa in due tradizioni: la caccia alle uova la mattina, e il prosciutto glassato a pranzo.
In Italia noi le uova ce le mangiamo sode a colazione, assieme al salame e alle varie versioni della pizza al formaggio… e a pranzo naturalmente si mangia agnello!
Ma sicuramente dopo pranzo, tutti mangiamo la pastiera napoletana, anche se non siamo napoletani.
Prendete me per esempio: la Campania è una delle due regioni del Sud da cui sfortunatamente non ho nessuna origine. Ho detto sfortunatamente, perchè non ho nessuna ricetta della nonna della vera, unica, autentica pastiera napoletana… che diamine, uno può avere solo quattro nonni, no?
Quindi ho fatto una piccola ricerca, e quello che ho scoperto è che non c’è una ed una sola ricetta, e come per ogni cosa in Italia, pare che ogni famiglia faccia a modo suo.
E mentre c’è un consenso generale su quali siano gli ingredienti (già è qualcosa!), poi c’è solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda le quantità di questi ingredienti: ho trovato ricette in cui nel ripieno ci andavano 10 uova!
Ma ricorderete che io sono un ingegnere, quindi ho adottato un approccio matematico al problema: una bella tabella Excel che confrontava 3 o 4 ricette da fonti diverse ed accreditate e, tra proporzioni ed interpolazioni, sono arrivata alla mia versione.
Negli ultimi anni l’ho sottoposta non solo alla mia famiglia (e io vengo da una famiglia brutalmente sincera) ma anche ad ignari colleghi al lavoro, ricevendo solo consensi unanimi.

Grano cotto (pre-cooked wheat) & acqua di fiori d'arancio (orange flower water)

Grano cotto (pre-cooked wheat) & acqua di fiori d’arancio (orange flower water)

PASTIERA NAPOLETANA
La tradizione dice che la pastiera si fa di giovedì santo per essere mangiata a Pasqua. Io invece trovo che sia un passatempo ideale per il venerdì santo, che qui in Canada è festa e, qui a Fort Mac, ovviamente nevicava!
Le quantità sotto sono per 2 pastiere da 24cm.

Per la frolla:
500 gr farina
200 gr zucchero
250 gr burro, a temperatura ambiente, a cubetti
2 eggs

Per il ripieno:
400 gr grano cotto
400 ml latte
250 gr zucchero
20 gr burro
500 gr ricotta
4 uova
50 gr buccia d’arancia candita
acqua di fiori d’arancio (1 fialetta)
estratto di vaniglia

Istruzioni
In una casseruola mettere i 20 gr di burro con 50 gr di zucchero, il latte e il grano cotto. Portare a ebollizione, poi continuare la cottura per altri 15 minuti, mescolando sempre. Spegnere e lasciar raffreddare completamente.
Aggiungere 1/4 cucchiaino di estratto di vaniglia.
Assemblare la pasta e metterla in frigo a riposare per almeno 30 minuti.
Trascorsa questa mezz’ora, preriscaldare il forno a 180°.
Lavorare la ricotta con il restante zucchero, poi aggiungere le uova una ad una, ottenendo una crema omogenea. Aggiungere l’essenza di fiori d’arancio le scorzette di arancia.
Infine mescolare la crema a base di ricotta con il grano.
Dividere la pasta frolla in due, e di ciascuna metà stendere 3/4 della pasta e rivestirci una teglia imburrata ed infarinata; bucherellare il fondo con una forchetta e versarci il ripieno. Poi con la restante pasta frolla fare le strisce e incrociarle sopra l’impasto, facendo dei bei rombi allungati.
Mettere in forno a 180° per circa 1 ora-1 ora e mezzo (se si fanno 2 pastiere da 24 cm). La pastiera è cotta quando il ripieno diventa un bel marrone mentre le strisce di pasta sono ancora dorate.
Mi permetto di darvi un piccolo suggerimento: se, come me, usate le tegliette di alluminio, vi consiglio di usare una teglia da pizza per metterle in forno. Dopo la frolla e prima del ripieno sistematele sopra la teglia, perchè dopo averle riempite peseranno troppo per sollevarle e metterle in forno senza danneggiarle.

Orecchiette / Comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s