La notte degli Oscar

Quest’anno, per la prima volta in vita mia, la notte degli Oscar non sarà di notte, ma alle 5 di pomeriggio.

Oscars 2014
Quest’anno quindi non mi dovrò svegliare alle 2 di notte per vedere la cerimonia degli Oscar… quindi è davvero ironico che di tutti gli anni, proprio quest’anno io sia così impreparata.
Dei 43 film e 15 cortometraggi in competizione nelle diverse categorie, ne ho visti talmente pochi che, se fossi uno dei 6000 giurati dell’Academy, non potrei votare in nessuna categoria.
Non che di solito io sia preparata su OGNI categoria: i corti ed i documentari sono di difficile reperibilità, e molto spesso i film stranieri nominati non vengono proiettati in nessuna sala; eppoi per dire, anche sugli effetti speciali è difficile che io possa esprimere una preferenza tra film che di solito non guardo, perchè non sono il mio genere.
Ma quest’anno è andata davvero male e non sono neanche riuscita a vedere i 9 film nominati per Miglior Film!

Trasferirsi in Canada a metà del 2013 ha significato perdere dei film che non erano ancora usciti in Italia ma che erano già stati ritirati dalle sale in Canada.
Poi qui Fort McMurray abbiamo solo un cinema con 6 sale, che per lo più proietta i film che vengono considerati interessanti per la popolazione di qui, cioè grosse produzioni e sicuri blockbuster, un sacco di action movies e fumettoni. Per dire, al momento danno “The Lego Movie”, “Pompeii”, “Robo Cop”, “The monuments men”, “Endless love” e “Winter’s tale”.

Insomma, per un motivo o l’altro non ho visto “Nebraska”, “Dallas buyers club”, “Her”, “Philomena” e “12 years a slave”.
“Captain Phillips”, “Blue jasmine” e “August:Osage country” li ho visti sul minischermo dell’aereo (con l’audio penoso che ne consegue), in volo tra Canada e Italia.

Quindi quest’anno non starò sempre a controllare i miei pronostici per vedere quanti Oscar ho azzeccato. Quest’anno mi godrò lo spettacolo.
E sono davvero curiosa di vedere se “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino vincerà anche l’Oscar dopo il Golden Globe, il Bafta etc etc.

la-grande-bellezza-paolo-sorrentino-poster-mini
Io non lo trovo un grande film, semmai un grosso film, un budget che non si vede spesso nel cinema italiano.
E non è certamente tra i miei film italiani preferiti, ma gli riconosco di aver rappresentato perfettamente l’ineluttabile rovina del mio Paese, la sua rozza decadenza e la sua apatia finto-cinica.
Quello che vorrei davvero sapere, però, è quanto di tutto questo hanno potuto capire le giurie dei premi e dei festival del resto del mondo.

Orecchiette / Comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s